FedoraItalia.org
Home
Get Firefox!
 
 
HOME USER |  PROFILO |  DOWNLOADS |  NEWS |  CERCA |  INDIETRO
 

 
 
 

TORRI GEMELLE: crollo, o demolizione controllata?

La "conspiracy theory" vuole che le Torri gemelle non siano affatto crollate miseramente, per il semplice effetto degli incendi e degli impatti, ma che siano state demolite a comando, nell'ambito di una strategia tanto cinica nella sua brutalità quanto immacolata da un punto di vista logico.

Per accettare infatti la tesi del cedimento strutturale, bisogna superare almeno due problemi decisamente ingombranti: quello dei documenti visivi, e quello tecnico che riguarda l'acciaio dei piloni portanti.

DOCUMENTI VISIVI : Da dove viene la forza - registrata da mille immagini - che lancia i detriti lateralmente, così lontano dalla Torre Sud (ed in seguito da quella Nord), creando addirittura un "fungo" di quintali di calcinacci che partono dritti verso il cielo? Di solito, quando un edificio crolla, cede prima su un lato e poi si piega su sè stesso, ma non manda in orbita pareti, finestre e scrivanie.

 


PROBLEMA TECNICO: L'ACCIAIO dei PILONI PORTANTI. Le Torri erano state progettate - è noto - per resistere comodamente all'impatto di un aereo passeggeri (il più pesante di quell'epoca era il Boeing 707, che pesava quasi come i 767 di oggi). Non solo è strano quindi che siano cadute tutte e due, ma è ancora più strano che la seconda, colpita venti minuti dopo la prima (e "solo" di traverso, rispetto all'altra), sia crollata mezz'ora prima di questa.

Del tutto incredibile, poi, che nel pomeriggio sia anche crollata all'improvviso la terza torre del complesso, il WTC7, di "soli" 40 piani. Nessun aereo l'aveva toccata, l'incendio stesso che si era sviluppato non ha avuto cause palesi (si possono al massimo ipotizzare dei "tizzoni ardenti", che però faticherebbero molto a dare fuoco all'edificio partendo dai piani bassi). Ma questo, pur essendo in solido cemento armato, è andato anche lui giù come se fosse fatto di burro (sequenza fot. sotto). Davvero tante, le anomalie strutturali di quel giorno.

Ecco uno schema della struttura portante delle torri, fatta di lunghissimi e resistentissimi piloni d'acciaio.



Chiunque abbia fatto solo mezzo esame di ingegneria vi potrà confermare come l'acciaio dei piloni non possa in nessun modo essersi fuso alla temperatura di un incendio come quello  delle torri, che fra l'altro si è esaurito in pochissimi minuti. Guardate sotto la furia delle fiamme: si vedono addirittura le persone che si aggirano alla ricerca di soccorso:



Lì dentro non c'è certo una temperatura infernale, mentre l'acciao  fonde a 1535 C° e non uno di meno.



Non si spiegherebbe altrimenti come per saldarlo sia necessaria la fiamma ossidrica, quando poi basterebbe un banale bidone di kerosene per renderlo molle come cioccolata.

Nonostante i numeri parlino chiaro, le immagini spesso valgono più di mille parole: la sequenza che segue mostra 3 momenti di una classica demolizione controllata. Confrontatene le dinamiche dei calcinacci con quelli della Torre Sud.

 

SOPRA: DEMOLIZIONE CONTROLLATA

SOTTO: un'altra immagine della TORRE SUD. Decidete voi:



IL PIU IMPROBABILE DI TUTTI:
IL "CROLLO" di WTC7

Questa invece è la sequenza TV dell'ancora più inspiegabile crollo della terza torre,  il World Trade 7, di 40 piani, che non era stata colpita da nessun aereo. Stava semplicemente bruciando, come tutti gli edifici del mondo, ma essendo in cemento armato nessuno si immaginava che da un momento all'altro scomparisse come un fondale di cartone (in perfetta verticale, fra l'altro, e senza minimamente danneggiare gli edifici accanto).




A questo punto è legittimo porsi una domanda: ma perchè buttare giù le torri? Non bastava averle bucate da parte a parte con gli aerei?

Se si parte dal presupposto che gli attentati siano stati solo un "dispetto" di uno sceicco un pò annoiato, di certo il danno prodotto dagli aerei basta e avanza.

Ma se lo scopo era quello di creare una profonda insicurezza nella nazione, in modo da poterci imbastire sopra una sana guerra "punitiva", allora è sicuramente preferibile il crollo totale. A livello subliminale, il "crollo della fortezza" è ben altra cosa dalla semplice "ferita in battaglia". Anzi, la seconda rischia di ringalluzzirti ancora di più, rendendoti la mente acuta e pronta, mentre il primo ti annichilisce, ti toglie ogni capacità di reazione, e ti lascia in balìa totale di colui che ora ti prende paternamente la mano. E che mentre tu hai ancora gli occhi chiusi per l'orrore, approfitta per far passare leggi che fanno tanto comodo a lui, quanto sono volte proprio contro te stesso.

Ma non c'è bisogno di sconfinare nella psicologia, per supportare l'accusa di cospirazione. Basta ricordare, ad esempio, che l'intero complesso WTC (le tre torri appunto) era diventato da anni un enorme problema per la circolazione in tutta la punta Sud di Manhattan, poichè costituiva un blocco compatto di 4x4 isolati, chiuso in ogni senso al traffico, piantato proprio nel cuore della City. Sarà un caso, ma la ricostruzione prevede un rifacimento completo della viabilità, con multipli attraversamenti dell'area che è ora coperta dalla macerie delle torri.

Le stesse torri, inoltre, erano gioielli di ingegneria da un punto di vista strutturale, ma dei veri e propri pachidermi da quello della gestione dei servizi e manutenzione in genere, ed erano già da anni state considerate obsolete, ingombranti e costosissime.

Scopriamo poi che nel WTC7 c'era uno dei più importanti uffici della CIA, e che in questi pare venisse conservata tutta una serie di documenti decisamente "scomodi" per l'amministrazione Bush.

A tutte queste "tentazioni" latenti, aggiungi adesso:

L'UOMO DELLE TORRI - Mille pagine reperibili in rete documentano i retroscena che riguardano la proprietà delle torri. Questo è il sunto: dopo essere state per trent'anni consecutivi sotto la Port Authorithy di New York (la municipalità), la gestione era stata rilevata, proprio due mesi prima degli attentati, da un gruppo privato guidato dall'imprenditore ebraico Silverstein. Tra le prime cose che Silverstein fece, vi fu il raddoppio della polizza di assicurazione, che andava ad includere anche eventuali attacchi terroristici, esclusi invece dalla polizza precedente. Lo stesso Silverstein ha poi raccontato, in televisione, il fatto seguente: verso metà agosto egli rimase vittima di un incidente, che lo costrinse in ospedale con varie fratture al corpo. Ma lui "ci teneva così tanto ad entrare in possesso dei suoi adorati gioielli" che, pur essendo il dolore notevole, chiese a viva forza che gli venissero sospese le dosi di morfina, per essere abbastanza lucido da poter firmare immediatamente i documenti che mancavano per completare il trasferimento delle torri.  Come se quelle scappassero, se solo avesse aspettato una settimana in più. (La gestione delle torri serve a sostituire una parte del personale della security con agenti propri, i quali possano poi collocare con tutta calma le cariche all'interno della struttura.)

Infine: mentre Silverstein sta facendo ricostruire oggi le torri come le vuole lui, con i soldi dell'assicurazione,  tutti i resti dell'acciaio dei piloni, dal pezzo più lungo al frammento più microscopico, sono stati inspiegabilmente venduti o fatti scomparire nell'arco di pochi giorni dai crolli (non esiste ad oggi un solo referto scientifico che ne abbia potuto analizzare la presunta "fusione").

La società che si è occupata di portare via questi resti è la stessa che è stata usata per portare via quelli - altrettanto sospetti - del Murray Building di Oklahoma City (1984, Timothy McVeigh, Waco Texas, FBI...). Per la cronaca, il nome della società è Controlled Demolitions Inc.

Come dicevamo, se solo si supera l'aspetto morale, la logica non fa davvero una grinza.




Creative Commons


Italian Web Awards





 
     
 

webmaster AT mariorossi.net

 
 
 
 
LuogoComune.Net
 
 
         

Powered by GdAonline