Home
 

Estratto dal seguente sito: www.reseauvoltaire.net/article7633.html

Area51

Les mystères de l'attentat contre le Pentagone - Réseau Voltaire

Réseau Voltaire

Page d'accueil

Bibliothèque électronique

Dossiers transversaux

Annuaire de liens


Recherche avancée

 ________

Présentation du Réseau Voltaire

Abonnements payants

En librairie

 __________


Liste de diffusion gratuite

Questo sito è interamente gratuito. Per permettergli di esistere, grazie per il Vostro abbonamento

Réseau Voltaire - pour la liberté d'expression

 

8 ottobre 2001
I misteri dell'attentato contro il Pentagono

 

La versione ufficiale dell'attentato del 11 settembre al Pentagono solleva varie gravi domande. Considerando la taglia dell'aereo e la sua velocità minimale di volo, non si capisce bene come abbia potuto provocare così pochi danni. Dal momento che l'edificio non è stato danneggiato in profondità, sembra che solo il naso dell'apparecchio ci si sia incastrato.

Come è possibile visto che il relitto del Boeing non compare in nessuna fotografia? Le autorità militare hanno cercato di nascondere avvenimenti supplementari non riferiti, hanno falsificato i fatti?

 

Mentre i documenti e le testimonianze sull'attacco del World Trade Center per i due Boeing sono varie e permettono una comprensione precisa ed indiscutibile degli avvenimenti, non è parimenti per l'attacco del Pentagono.

Nessuna catena televisiva, né fotografo indipendente, è stato autorizzato a filmare la scena del crash negli istanti che ha seguito l'attentato. Le fotografie disponibili provengono esclusivamente da fonti militari e sono pubblicate sotto controllo rigoroso. Questa censura è stata attribuita per prima cosa, ad una abitudine dell'esercito americano poco incline a permettere la diffusione di immagini che la presentano in posizione di debolezza. Ma lo studio delle immagini disponibili smentisce la versione ufficiale e mostra che l'esercito non ha detto tutta la verità.

Il volo American Airlines 77 avrebbe evitato sia gli F-16 che lo braccavano sia la difesa antiaerea, e si sarebbe schiacciato sul Pentagono l'11 settembre 2001 a 9h37 (secondo il segretario alla Difesa) o 9h38 (secondo il North American Aerospace Defense Command). Avrebbe provocato un incendio e due esplosioni nell'edificio che provoca la morte di 125 persone, senza contare gli occupanti dell'aereo.

 

I fatti

 

L'apparecchio era un Boeing 757-200 che misura 47,32 m di lunghezza, 13,6 m di altezza, e 38 m di apertura alata. Il diametro dell'abitacolo misura 3,5 m
Vedere la presentazione ufficiale


© U.S. Department of Defense

Il Pentagono è il più grande palazzo amministrativo del mondo. È stato costruito nel 1941. Si compone di cinque anelli concentrici, ciascuno a forma di Pentagono, e ciascuno su cinque livelli, collegati da dieci corridoi. Ogni lato esterno misura 282 m di lunghezza su 24 m di altezza.
Vedere la visita ufficiale del Pentagono

 


 

L'aereo ha sorvolato l'autostrada prima di schiacciarsi vicino all'eliporto del Pentagono


© Space Imaging


© U.S. Department of Defense

 


© U.S. Department of Defense

L'apparecchio avrebbe atterrato sull'eliporto del Pentagono ed avrebbe continuato la sua corsa per incastrarsi nella facciata dell'edificio. Dopo avere sorvolato i lampioni, l'apparecchio disponeva solamente di 125 m per effettuare la manovra.

 

 

Solo il primo anello dell'edificio è stato toccato


© Space Imaging - Incrustation : Poisson-Lune
 

© U.S. Army

La fotografia da satellite mostra che l'aereo non ha danneggiato il secondo anello dell'edificio. È confermato dalle fotografie prese i giorni successivi, dopo che i pompieri ebbero demolito la parte danneggiata dell'edificio ed ebbero cominciato ad evacuare. Sebbene il peso del Boeing si avvicina alle 100 tonnellate e che la sua velocità all'atterraggio sia come minimo di 400 km/h, solo il naso dell'aereo si è incastrato nel Pentagono, penetrando nel primo anello. La carlinga e le ali sono rimaste all'esterno dell'edificio. I serbatoi di cherosene, contenuti negli ali, avrebbero dovuto prendere fuoco. Infatti, questo carburante non è esplosivo, ma infiammabile.

 

 

L'edificio è stato colpito al livello del pianterreno


© U.S. Marine Corps photo by Cpl. Jason Ingersoll
 

© U.S. Marine Corps photo by Cpl. Jason Ingersoll

L'apparecchio ha bucato la facciata al livello del pianterreno. Nelle fotografie dei primi soccorsi, il luogo dell'impatto è coperto dal fumo e dagli zampilli di acqua, ma si nota che i piani superiori non sono stati toccati.


 

I piani superiori sono crollati poco dopo


© U.S. Department of Defense, Sgt. Rudisill
 

© U.S. Army

I quattro piani superiori sono crollati verso le 10h10.

 

 

L'incendio è stato circoscritto con precisione


© U.S. Army
 

© Space Imaging

Un incendio si è manifestato dentro al primo anello e si è propagato in due corridoi. È stato circoscritto con precisione. Così la fotografia di Donald Rumsfeld che lascia i luoghi mostra che l'incendio non si è propagato al di là della torretta di controllo dell'eliporto. È questo danno ad aver ucciso la maggior parte delle 125 vittime. 23.000 persone lavorano quotidianamente nel Pentagono.

 

Per le ragioni di sicurezza, la stampa ed i soccorsi sono tenuti a distanza Per le ragioni di sicurezza, la stampa ed i soccorsi sono tenuti a distanza. Secondo il Servizio Informazioni delle Forze Armate Americane, il personale di soccorso è invitato a ritirare il loro materiali, nel caso di un attacco da parte di un secondo aereo-suicidio, mentre la stampa è mantenuta ancora a più grande distanza per non impacciare i soccorsi. (cf. Defense Link)

La scatola nera è ritrovata tre giorni dopo Il 14 settembre verso le 04h00, gli inquirenti ritrovano la scatola nera dell'aereo e la consegnano all' FBI. (cf. Defense Link)

Le vittime erano principalmente civili Le vittime erano principalmente civili. Il segretario alla Difesa istituisce la "Medaglia alla difesa della libertà" per onorare il personale civile deceduto. Difatti, più della metà delle vittime non sono militari, ma personale civile della difesa. (cf. Defense Link e l' immagine della medaglia )

 

Vedere anche" Una dissidenza terroristica nel cuore dell'apparato militare americano? "
(disponibile per abbonamento)

 
 
     
 

area51@mariorossi.net

 
     
 

 

 

www.mariorossi.net

Français

 

Area51